skip to Main Content

Il Segreto per Suonare Sempre il Pianoforte

Il Segreto Per Suonare Sempre Il Pianoforte

Sto per rivelarti il segreto per trovare sempre il tempo a disposizione per suonare. Rimani con me fino alla fine che lo scoprirai.

Quando nel 2017 ho finito i miei studi in Conservatorio mi sono buttato a capofitto nel mondo del lavoro. Ricordo uno anno, non ricordo se il 2018 o il 2019, in cui insegnavo in 3 scuole di musica.

Era un incubo! Non fraintendermi, insegnare è una delle cose che più amo fare e nel quale credo di riuscire particolarmente bene. L’incubo derivava dal fatto che non avevo mai tempo per me.

Non riuscivo a studiare come e quanto volevo ed era frustrante per me stare ore e ore vicino ad un pianoforte e non poterlo suonare se non facendo qualche esempio dimostrativo all’allievo.

In una di queste 3 scuole, addirittura, una volta al mese, insegnavo tutto il Sabato e tutta la Domenica. Mi credi se ti dico che insegnavo 12 ore al giorno per due giorni di fila?

Ok, ho scoperto di essere uno stacanovista ma ho anche scoperto che se non riesco a trovare il tempo per suonare, non mi sento in pace con me stesso.

Per questa ragione ho lasciato la scuola in Svizzera (dove per altro pagavano molto bene), e le due in Piemonte. Ora do lezione solo a quei pochi intimi.

Ora per me è facile trovare il tempo. Ma prima come facevo?

Avevo escogitato un metodo efficace per riuscire a trovare il tempo per suonare anche se le mie giornate erano letteralmente incasinate!

Sto per rivelarti la mia strategia tanto semplice quanto efficace: andare a letto entro le 22.00 massimo 22.30 e svegliarsi alle 5.30/6.00/6.30.

Se non hai mai provato ti consiglio di provarci davvero. All’inizio non sarà facilissimo ma poi scoprirai quanto è dannatamente bello riuscire a ritagliare il tempo per te stesso mentre tutti dormono.

Quando ti svegli alle 5.30 fai davvero tanta fatica. Mi ricordo che saltavo anche la colazione, non avevo fame. Mi facevo una piccola passeggiata sotto casa e alle 6.15 ero già al pianoforte (in cuffia). Alle ore 8.00 avevo praticamente fatto già 2 ore di pratica e la mattinata doveva ancora incominciare! Che figata!!

E’ proprio grazie a questo metodo che sono riuscito a pubblicare il mio ultimo libro (Manuale di sopravvivenza del musicista classico) da circa 400 pagine. Non sarei mai riuscito a trovare il tempo e la costanza per un progetto così ambizioso come la stesura di un mattone.

La sfida più grande però non è svegliarsi presto ma… andare a letto presto.

Mi ricordo la prima sera, abituato ad andare a letto a mezzanotte… era tostissima! La seconda sera però mi organizzai diversamente. Mi ero detto fra me e me “Christian, alle 21.00 mettiti già nel letto, così ti guardi dei video sul tablet, leggi un po’ e si fanno le 22.00, giusto l’ora di andare a nanna”.

E da lì tutte le sere alle ore 21.00 era già nel letto e alle 22.00, cascasse il mondo spegnevo la luce e mi forzavo di dormire.

Quando suonava la sveglia alle 5.30 non ero stanco, anzi, ero stracarico!! Quante cose avrei potuto fare, quanto “tempo gratis” in più che avevo rispetto gli altri!!

Ovviamente mi è costato sacrifici ma non rimpiango assolutamente nulla di quel periodo.

Oggi per fortuna posso svegliarmi un po’ più tardi, le mie giornate sono meno incasinate e non dipendo da nessuno. Mi gestisco il lavoro come e quando voglio ma l’assetto che avevo trovato con la sveglia alle 5.30 e la nanna alle 22.00 era per me magico!

Se ti senti in ristrettezze di tempo e non riesci a trovare spazio nelle tue giornate per il pianoforte, prova questo metodo e poi dimmi come ti sei trovato. 🙂

Ti auguro una splendida serata o giornata, a seconda dell’ora in cui leggerai quest’email.

 

 

Christian

Sono un pianista a tempo pieno, laureato a pieni voti all'ISSM "G.Puccini" di Gallarate. Adoro condividere le mie esperienze musicali sul web con articoli e video. Insegno pianoforte a coloro che intendono cominciare questa fantastica avventura.

Back To Top