La Speranza è l’ultima a morire. Cazzata!

“La speranza è la triste consolazione di chi è incapace di credere”.

Il detto ormai famosissimo “La speranza è l’ultima a morire” è il detto per eccellenza dei vittimisti e lamentatori cronici.
La speranza è quella cosa che permette alla persona di affidarsi al caso, è quella cosa che scarica la responsabilità agli altri, ed è quella cosa che serve a giustificare la propria incapacità di affrontare un cambiamento.

Ogni pensiero che inizia col “Speriamo che…”, “spero che..” è un pensiero destinato a morire nel breve termine, privo di ogni efficacia. 
Cosa significa sperare?

Perché anziché sperare, non iniziamo a credere in quello che facciamo. La speranza lasciamola agli altri, noi dobbiamo essere convinti in tutto ciò che facciamo.
Dobbiamo essere in grado di poter decidere del nostro presente, o per lo meno tentare di produrre esperienze felici per noi. Sperare non serve perché chi spera si affida agli altri, ed è la cosa più sbagliata che ci sia. Sei solo tu che puoi prenderti cura di te stesso, meglio di qualsiasi altra persona al mondo.
Chi crede è invece chi sa agire, nel bene o nel male, attivamente e lo fa proprio in funzione di ciò che crede. Le persone costruttive che evolvono, e creano nuove esperienze, sono quelle persone che sanno credere e che sono disponibili a cambiare, tenendo presente che nella vita tutto è dinamico.

Niente è nostro. Tutto è di passaggio in questa vita. Il pianoforte, la propria ragazza, il proprio oggettiopreferito, il proprio cagnolino ect.. Tutto viene e se ne va, a noi non appartiene nulla. 
Mi hanno rubato l’auto? Sicuramente mi dispererò per anni cercando quel disgraziato che l’ha fatto ma se pensi che è una probabilità che può accadere, che quell’auto non è tua, che l’hai solamente presa in prestito, allora tutto cambia. 
Lamentarti a poco serve. Hai avuto una nuova esperienza, sfruttala per migliorare. La frase chiave dunque è:
credere ed essere sempre disposti a imparare per cambiare, in meglio.”

Ps. ci vuole una forte motivazione.


One Reply to “La Speranza è l’ultima a morire. Cazzata!”

  1. Un giovane incontra per strada un ‘anziana signora. La signora chiede: “Cos’é successo a tuo padre? Il giovane risponde: “E’ malato, e si sente molto debole”.
    La donna ride, e ribatte: “E’ solo il suo pensiero e nient’ altro. Lui pensa di essere malato, ma non lo è. E pensa di essere debole, ma non lo è. La vita è fatta di pensieri: diventi ciò che pensi! Digli di fare pensieri sani, di pensarsi forte e vigoroso!” Il giovane conclude: “Gli riferirò il suo messaggio”.
    Otto, dieci giorni dopo, il giovane incontra di nuovo la donna, che gli chiede: “Cos’è successo? Non gli hai riferito il mio messaggio? ” E il giovane risponde: “Gli ho riferito il suo messaggio, signora; ma ora lui pensa di essere morto. E non lo pensa solo lui… tutti i vicini, la mia famiglia, perfino io stesso, pensiamo che sia morto. E non vive più con noi: è andato a stare al cimitero!” cit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *