La Pazienza di Studiare

Non tutto si può avere tutto e subito. Ci sono delle condizioni per le quali bisogna aspettare del tempo prima di poter aver un riscontro effettivo e lo studio del pianoforte è una di queste situazioni.
E’ proprio il caso di dire che la pazienza è la virtù dei forti:


Non sapere che cosa accadrà e quale sarà il risultato di un nostro lavoro  può crearci ansia e molti dubbi. E’ fondamentale per noi ricevere un Feedback immediato dalle situazioni, ma non purtroppo è sempre così immediato.
Bisogna imparare ad avere pazienza nello studio, e ancora di più nello studio del Pianoforte.  
Preparare un esame di pianoforte non è come fare una verifica a scuola dove studio due giorni prima e riesco a prendere anche 8. Preparare un esame di pianoforte significa sacrificare un anno intero, e non a caso l’esame di Pianoforte principale vale in conservatorio la bellezza di 21 Crediti. 

Sì, 21!!!!

E’ importante riuscire a modulare i propri tempi con quelli altrui, con le situazioni nelle quali ci immergiamo.
Essere pazienti è un pregio, un grande pregio ma molto “silenzioso”. Non è una di quelle virtù che vengono considerate eroiche come l’altruismo o l’ottimismo, ma è una virtù che poco viene presa in considerazione ma chi ce l’ha ha in mano la propria vita!

Copyiright acquisiti by: Christian Salerno


Studiare un brano complesso ricco di note, ottave con dentro la terza e la sesta, alterazioni e doppie alterazioni ovunque, dove solo a vedere lo spartito ci spaventiamo richiede molta pazienza!

Non credere che i grandi pianisti siano riusciti ad eseguire quel pezzo così sin dalla prima volta, ma ci sono stati alle spalle giorni e giorni di studio intenso, anche e soprattutto studiando a velocità ridottissime.

Ma…chi non ha pazienza non può cimentarsi in questi brano?
Falso. Esistono delle attività in grado di sviluppare il proprio grado di pazienza ed una di queste è assolutamente la Pesca. 

La psicologa Elisabetta Rotriquenz ha elencato anche il disegno, la pittura, lo studio della musica (per chi già non lo facesse), facendo puzzle, rompicapo e modellismo.

E’ possibile anche aumentare la propria pazienza adottando una predisposizione mentale:

  • Non intestardirsi tropo verso un obiettivo che ora è impossibile raggiungere.
  • Non esagerare nel riuscire a portare a fine giornata tutte le attività che si erano prefissate.
  • Datti un seconda chance quando non riesci nella prima.
E tu, ne hai di pazienza?


One Reply to “La Pazienza di Studiare”

  1. Aria di Mozart, la mattina dopo, è andata benissimo e ora sto puntando sul fare bene anche Amazing Grace (sono qui un po’ veloce), e altri, così nello “spolverare” quando ricomincia la scuola, avrà meno fatica, visto l’ultima volta alla fine dell’anno, non era andata molto bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *