skip to Main Content

Come suonare la tastiera con due mani

Come Suonare La Tastiera Con Due Mani

“Due mani che suonano nello stesso momento?? Ma sei pazzo!”

 “Non si può pensare a due cose nello stesso momento, non scherzare.”

So che lo stai pensando… sai perché? Perché è normale. Ovvio che se non ci sei dentro credi che tutto sia difficile o addirittura impossibile.

Scommettiamo che a fine di questo articolo saprai come poter unire le mani? Io ci scommetto, eheh.

Sai io cosa credo? Che fare un cubo di Rubik sia difficile da risolvere, eppure c’è gente che lo risolve in 5 secondi. Quindi, a quanto pare, è solo una mia credenza limitante dovuta al fatto che ne so poco del cubo.

Credo che memorizzare 30 numeri sia difficile, invece c’è l’attuale campione di memoria che ne ha memorizzati 572 in soli 5 minuti.

Credo che correre sia stancante, peccato che sono migliaia e migliaia le persone che fanno maratone.

Credo che… Credo che il problema siano le mie credenze.

Prima di credere in qualcosa del tipo “suonare a due mani è difficile” dobbiamo essere sicuri di quello che diciamo. Dobbiamo cercare fonti attendibili che dicano che quella cosa sia disumana, altrimenti la nostra credenza è sbagliata.

E, fidati, suonare la tastiera (o il pianoforte) con due mani non è affatto una cosa disumana. Le migliaia di persone che lo fanno ne sono la prova. Sei d’accordo con me?

Ho imparato una lezione quando un giorno mi successe una cosa alquanto bizzarra.

Era il periodo estivo di non so quanti anni fa (l’età si fa sentire, eheh) ed andai a mare con i miei parenti. C’era un sole incredibile e un mare mai visto, il divertimento era assicurato.

Portammo diversi passatempo per passare la giornata in allegria. Palla, racchette, maschere subacquee ed altro.

Quando improvvisamente un mio cugino che non vedevo da diverso tempo, decise di lanciarmi una sfida. Una sfida che forse anche tu avrai fatto: gara di apnea.

Ma questa volta non era un testa a testa, non era una sfida tra me e lui. Bensì, mi lanciò questa sfida, le sue parole furono più o meno queste:

“Scommettiamo €10 che trattengo il respiro sott’acqua per 3 minuti o più?”

“Starà scherzando” pensai io. Dal suo sguardo capii che non era uno scherzo, era serissimo.

Eppure mi sembrava una cosa così impossibile che accettai subito. Sentivo già il profumo della vincita.

Così ci mettemmo in postazione. Mi armai di cronometro e lui iniziò a respirare profondamente. I patti erano che io avrei dovuto toccarlo ad ogni minuto, in modo che lui potesse sapere a quanto stava.

Mi guardò e si tuffo, non lo dimenticherò mai. Ero talmente convinto… passa 1 minuto… 2 minuti… 3 minuti… 4 minuti.

Si alzò che aveva letteralmente stracciato l’obiettivo che si era posto. Ma com’è possibile? Ci doveva essere un trucco!

E invece, mi raccontò (dopo averlo pagato, quel furbo) che seguiva un corso di apnea ormai da qualche tempo. E che c’erano diverse tecniche per avere questi risultati.

Fatto sta che la mia credenza in quel momento, mi fece perdere.

Il problema è che questo capita a molti e non se ne rendono conto. Perdono tanti soldi o tempo solo perché non riflettono mai sulle loro credenze e su quanto possano essere reali. In questo caso poniamo il problema delle due mani che suonano contemporaneamente il piano. Ti pare difficile?

Ovviamente non è una cosa immediata come bere un bicchiere d’acqua. Ma non è neanche difficile.

Quando hai bisogno di suonare a due mani uno spartito che stai leggendo, devi passare prima per un gradino essenziale: le mani separate. Partiamo col presupposto che tu sappia già leggere le note (più avanti ti dico come puoi fare se non sai leggerle) e ti ritrovi queste battute da dover suonare a mani unite:

Non hai una tastiera? Ordinala qui:

Come fai a suonare a due mani queste due battute?

La tecnica delle mani separate è tanto semplice quanto efficace. Anziché fare come molti, cioè metterti a suonare direttamente a due mani, prova a suonare una mano per volta.

 

  1. Quindi provi prima la mano destra (chiave di violino) e te la studi per bene, successivamente studi la mano sinistra (chiave di basso) e studi anche quella per bene.
  2. Velocizza le due parti. Quindi velocizza un po’ la destra e un po’ la sinistra (magari aiutandoti col metronomo).
  3. Prova molto lentamente a mani unite. Se vai molto più lentamente rispetto a come le fai a mani separate sono sicuro che inizierà ad uscirti un primo risultato degno di rispetto!

Quindi dai sempre priorità allo studio a mani separate e lo studio lento, saranno la tua arma micidiale per suonare a due mani.

Se non sai leggere lo spartito…

Se non sai leggere le note sullo spartito innanzitutto ti posso garantire che è davvero facile, se vuoi imparare clicca qui.

Ma voglio darti una soluzione pratica per aiutarti anche se non sai leggere ancora le note, ascoltami bene.

La tecnica che dovrai eseguire tu è simile a quella di chi sa leggere le note, solo che tu guarderai i tasti che la persona preme.

Mi spiego meglio: mettiamo caso che tu stia guardando un tutorial (tipo quello coi i mattoncini blu e verdi). In quel caso ti conviene segnarti tutte le note che suona a destra ed impararla bene.

Successivamente imparerai la sinistra. E solo dopo proverai molto lentamente ad unire le mani. Chiaro?

Ora ci sono un paio di regali per te, come al solito eheh.

Se non sai leggere le note:

  • Cliccando qui trovi degli spartiti con note scritte sotto
  • Cliccando qui trovi dei trucchetti per suonare anche senza leggere lo spartito

Se sai leggere le note, ecco il tuo regalo:

  • Ti lascio il download di questo fantastico spartito gratis: Clicca qui.

 

Bene, credo di averti detto tutto. Ti ricordo di tornare a guardare in modo frequente il BLOG, stiamo preparando dei contenuti pazzeschi.

Ps. Intanto prova ad affrontare questi esercizi con due mani, sono certo che li troverai molto interessanti!

Ti mando un caro abbraccio, a presto!

 

Christian

Sono un pianista a tempo pieno, laureato a pieni voti all'ISSM "G.Puccini" di Gallarate. Adoro condividere le mie esperienze musicali sul web con articoli e video. Insegno pianoforte a coloro che intendono cominciare questa fantastica avventura.

Back To Top