Il piano-mirroring: esplorazione sonora dell'anima

By Christian Salerno mercoledì 18 dicembre 2013
In un mondo dove l'individuo tende a occultare le emozioni, somatizzarle fino a portare il corpo ad ammalarsi..diventa fondamentale esternare il nostro mondo interiore, e dar animo alla nostra voce più profonda.

Il piano-mirroring, può portare l'individuo a far emergere ciò che provoca disagio e dolore; esso è un'esibizione, molto particolare, quanto innovativa, al fine di dare il via a questo scenario psicologico-musicale, sono necessari pochi elementi: un compositore, un pianoforte ed un volontario

Il compositore, grazie ad una sorte di “connessione empatica con l'interlocutore, riesce, a leggere l'anima dell'altro, creando una melodia estemporanea inedita e incantevole; Svelare il proprio mondo interiore, attraverso l' ausilio della musica, rivivere sentimenti passati, può significare, dar voce ad emozioni dolorose che se non elaborate, annientano l'anima. 

Sovente, accade, durante la performance che i partecipanti scoppiano in un pianto dirotto; ciò diventa terapeutico, quando le note del piano, fanno vibrare le corde del cuore, avviene un cambiamento interiore nell'individuo. Concedere al compositore la possibilità di estrapolare ciò che l'anima, in quel momento nasconde è un segno di grande fiducia ed apertura verso l'altro. Attraverso questa performance, possiamo cogliere stati stati d'animo che non sono riconosciuti da chi ci sta attorno e che custodiamo nelle viscere del nostro Io più profondo;cogliere qualcosa dell' altro senza conoscerlo, significa capire la vera essenza dell'anima, essenza che spesso, risulta invisibile alle persone che ci stanno vicine, quotidianamente. 

L'idea di Alessandro Sironi, classe 1976, nato a Milano, vissuto in Francia dal 1997 al 2002, diplomato con il massimo dei voti presso il Conservatorio di pianoforte a Brescia, collabora con vari registi teatrali e cinematografici per la realizzazione di spettacoli e progetti; Mauro Scardovelli, psicologo,psicoterapeuta ha individuato nel progetto di Sironi, la possibilità di esplorare l'interiorità dell'individuo, rivelandosi utile per avviare un lavoro di introspezione e auto-riflessione. 

Il legame introspettivo che nasce tra il compositore ed il volontario, la creazione di una melodia estemporanea ed empatica ha anche la capacità di influire sul mondo psicologico dell'altro, dando il via ad un processo di trasformazione che può tradursi in guarigione, entrare nel mondo interiore di una persona ed individuare una disarmonia, provare a esprimere ciò in musica e tradurlo in suoni conflittuali operare sul suono e di rimando sulla persona è qualcosa di sorprendente ed unico, grazie alla trasformazione che questo, mette in moto nell'individuo.

Maggio info: http://www.pianomirroring.com

Anastasia Zeggio

Post Tags:

Christian Salerno

Mi chiamo Christian Salerno. Sono un pianista a tempo pieno. Adoro condividere le mie esperienze musicali scrivendo articoli sul web. Sono Laureato in Pianoforte al conservatorio G.Puccini di Gallarate e insegno pianoforte a coloro che intendono cominciare quest'avventura.

No Comment to " Il piano-mirroring: esplorazione sonora dell'anima "