Tags:

Allevi: Jovanotti è meglio di Beethoven

By Christian Salerno martedì 23 luglio 2013

Pare proprio che Allevi non possa stare più di tanto senza attaccare il mondo della musica classica che poi inevitabilmente attacca lui. 

Allevi è stato il pianista di Jovanotti ed è forse per questo che lo elogia così tanto? La frase esatta che Allevi ha detto davanti ai giurati del Giffoni Film Festival è stata: 

“A Beethoven manca il ritmo. Quello lo possiede Jovanotti”. 

Inoltre ha anche dato la sua spiegazioni del perché Jovanotti è meglio di Beethoven: “

"Un giorno ho capito che dovevo uscire dal polverone e cambiare approccio con la musica, anche se si trattava di quella classica. Stavo ascoltando a Milano la Nona Sinfonia di Beethoven. Accanto a me un bimbo annoiato che chiedeva insistentemente al padre quando finisse. Credo che in Beethoven manchi il ritmo. Con Jovanotti, con il quale ho lavorato, ho imparato il ritmo. Con lui ho capito cos’è il ritmo, elemento che manca nella tradizione classica. Nei giovani manca l’innamoramento nei confronti della musica classica proprio perché manca di ritmo”. 


Ma che strano! Eppure nella sonata n.32 di Beethoven dove c’è un passaggio “Jazz”, e Beethoven diviene il precursore di questo stile, mi sembra che di ritmo ce ne abbia! Mi sembra anche che Beethoven utilizzi moltissimo le Sincopi perché le amava e le utilizzava per dare maggior senso ritmico a quella sezione del brano. Per non parlare dei continui spostamenti di accenti che rendevano il suo ritmo imprevedibile. 

Dopo questa dichiarazione Allevi aggiunge che non è molto amato negli ambienti dove si fa musica classica, e aggiunge: 

Non posso entrare in molti Conservatori italiani, mi dispiace ricevere a volte le contestazioni degli studenti che li frequentano, mi dispiace sapere che non potrò varcare le loro porte, ma so che la cosa importante è raggiungere il cuore della gente. Lì la mia musica può entrare. Mi ha fatto male sapere che persone autorevoli mi consideravano un impostore”.

Io credo di poter rispondere questo ad Allevi dicendo che nessuno avrebbe nulla contro di lui se lui non attaccasse ingiustamente il mondo della musica classica. Inoltre credo che non si possano fare dei confronti fra la musica moderna e quella della classica perché si tratta di due stili troppo differenti. 

 E tu come la vedi?


Post Tags:

Christian Salerno

Mi chiamo Christian Salerno. Sono un pianista a tempo pieno. Adoro condividere le mie esperienze musicali scrivendo articoli sul web. Sono Laureato in Pianoforte al conservatorio G.Puccini di Gallarate e insegno pianoforte a coloro che intendono cominciare quest'avventura.

10 commenti to '' Allevi: Jovanotti è meglio di Beethoven "

ADD COMMENT
  1. scusa christian, ma tu non eri un sostenitore di allevi? hai fatto anche un video contro i suoi detrattori

    RispondiElimina
  2. A voglia! http://www.youtube.com/watch?v=NVijpDFPazA
    Io sta dalla sua parte, lo dico sempre (anche nel video)... non deve sparare ca****e! :D Perché se si frega lui con le sue stesse mani, nessuno può difenderlo!

    RispondiElimina
  3. i giudizi espressi da Allevi sono così generici "lo possiede Jovanotti", ecco mi permetto di usare questa espressione generica e di valutare Jovanotti e il suo senso del ritmo, genericamente
    e molto banalmente chiedo se questi ha senso del ritmo
    http://www.youtube.com/watch?v=HSDpmJdCbmo

    IB

    RispondiElimina
  4. c'è un problema di fondo...... autodefinendo la sua musica come musica classica contemporanea uno è legettimato a fare paragoni..... ma se lui poi spara scusati boiate del genere c'è da linciarlo

    RispondiElimina
  5. Christian parli di Allevi ma hai fatto una cober el pulcino pio.,, Vergogna!!

    RispondiElimina
  6. Zitto tu che non sai neanche scrivere! Christian esprime il suo pensiero di artista di youtube, dovresti rispettarlo

    RispondiElimina
  7. @Anonimo: E allora? Potrei anche fare la Cover di "Fra Martino Campanaro", mi etichetterebbe diversamente? Mah... Ognuno fa e suona cioè che vuole, impariamo a rispettare un po' di più gli altri, impariamo ad essere più umili e impariamo a NON CRITICARE gli altri.

    Sai, una volta lessi una cosa: "Un uomo mi offrii 100 mila euro se per UN SOLO giorno intero io non avrei mai criticato nessuno". Non sono mai riuscito a ricevere quel premio.

    Siamo sempre pronti a puntare il dito su tutto e tutti. Parola chiave: Umiltà!

    Detto, questo ti ringrazio per il tuo commento!

    @Anonimo 2: Grazie mille..!

    RispondiElimina
  8. @Antares: per me la sua musica la può chiamare "classica", "banana", "tum tum", "pop" ... la sostanza di quella musica non cambia! ;)

    RispondiElimina
  9. Krikko, io sono del parere che la critica ci può anche stare, ma deve essere costruttiva. La critica fine a se stessa, ovviamente, non ha senso.
    Per quanto riguarda il discorso su Allevi, dire che Beethoven non ha ritmo senza dare delle spiegazioni in merito a quello che si stà sostenendo (intendo delle spiegazioni che abbiano un nesso logico), ha lo stesso valore di una persona che sostiene di aver visto un'asino volare, ma che non lo ha dimostrato! In Beethoven, poi, questo discorso diventa ancora più palese!

    RispondiElimina
  10. Leopardi non sapeva cosa fosse la poesia,ho sentito un bambino recitare:viva viva la castagna frutto doilce e saporito che da tutti è riverito come re della montagna,e finalmente ho capito cos'è la poesia
    Anche il bambino seduto accanto la preferiva
    AAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHH

    RispondiElimina