Suonare il Pianoforte è una passeggiata?

By Christian Salerno giovedì 24 gennaio 2013
 © Credit Photo: Prometeus, http://www.stockfreeimages.com 

Quando frequentavo l'ambiente da torneo di scacchi, mi ritrovavo catapultato in un ambiente altamente agonistico e competitivo. Non di rado riuscivo a disputare gare con giocatori molto forti (candidati maestri e talvolta anche maestri di scacchi), molte di queste sfide le perdevo, ma alcune, con immensa gioia riuscivo a vincerle attuando un buon gioco.

Finito la partita che mi ha sfiancato tutte le energie, andavo a dare un'occhiata alle partite giocate dagli scacchisti professionisti. Sfide agguerrite fra maestri, maestri internazionali e gran maestri. In quegli istanti davvero si poteva riuscire a sfiorare la tensione con un dito.

Tutti estremamente concentrati, non si sentiva volare una mosca, si percepiva solo il rumore delle mani che premevano con vigore sui tasti degli orologi non appena effettuata la mossa.

Il tempo intanto scorreva inesorabilmente e le mosse iniziavano a non essere più ragionate al 100% ma iniziava ad entrare in azione l'intuito, un'arma che gli scacchisti hanno affinato nel corso degli anni.

Mi ricordo ancora questa partita in prima scacchiera (nelle prime scacchiere giocano solo i più forti giocatori) dove giocava un Maestro che conoscevo e che mi aveva preso in simpatia. Beh, questo Maestro perse la partita. 

Afflitto da questa sconfitta (perdere una partita per uno scacchista è paragonabile come perdere dal portafoglio €1.000 per noi), mi prese sotto braccio e andammo a parlare fuori dalla sala di gioco. Si continuava a chiedere il perché avesse perso, tipo così:



Ad un certo punto mi guardò e mi disse: "E' proprio difficile giocare bene a scacchi".

Questa frase giuro che non me la dimenticherò mai. Tutti, sanno giocare a scacchi, ma non tutti sanno giocare bene a scacchi. Tutti sanno suonare il pianoforte, ma non tutti sanno suonare bene il pianoforte.

Ci vuole:

  • cura
  • impegno
  • dedizione
  • sacrifcio
Questa settimana o studiato moltissimo... tornavo dal conservatorio e mi mettevo al pianoforte, la sera invece di uscire studiavo sul pianoforte digitale, lunedì ho saltato armonia e storia della musica per studiare tutto il giorno pianoforte eppure per suonare bene tutto ciò ancora non basta.

Suonare bene il pianoforte non è un passeggiata, anzi la definirei quasi un'impresa titanica. Ed è questo quello alla quale aspiro, è questo alla quale punto tutti i giorni, ed è proprio questo che mi da la forza per fare tutti questi sacrifici. Arrivare al giorno dell'esame davanti ad una commissione che giudicherà i tuoi difetti, ma metterla in modo tale da renderti inattaccabile.

Ma non è solo una questione di giuria o di esame, ma una questione personale e di rispetto nei confronti della musica. 

Riprendendo le parole del Maestro di scacchi:" E' proprio difficile suonare bene il pianoforte! "




Christian Salerno

Mi chiamo Christian Salerno. Sono un pianista a tempo pieno. Adoro condividere le mie esperienze musicali scrivendo articoli sul web. Sono Laureato in Pianoforte al conservatorio G.Puccini di Gallarate e insegno pianoforte a coloro che intendono cominciare quest'avventura.

No Comment to " Suonare il Pianoforte è una passeggiata? "